Festival Curtigghiu, pienone per la prima serata

Grande affluenza per la prima serata

CURTIGGHIU – GALLEGOROCK”

Stasera seconda serata con TINTURIA e PEPPE QBETA

 

// FINO A DOMANI SABATO 22 //

Piazza Francesco Crispi, dalle ore 21 – ingresso libero

 

Quando il “Curtigghiu” chiama la gente risponde numerosa: grande affluenza di pubblico ieri per la prima serata del Festival “Curtigghiu GallegoRock”

che ha visto sul palco Amanda Vitale, Giovanni Caccamo, Mario Venuti e i Babil On Suite

 

Curtigghiu Gallego Rock si svolgerà fino a domani sabato 22 in Piazza Francesco Crispi, sullo sfondo del suggestivo Castello Gallego (ingresso libero, ore 21)

Presenta Red Ronnie, direzione artistica Lello Analfino

 

FOTO DELLA PRIMA SERATA IN ALLEGATO

IMMAGINI https://we.tl/t-CRVoQ0RFGm

 

 

// STASERA VEN 21 SETT //

 

LELLO ANALFINO E TINTURIA

L’icona musicale della Sicilia, di certo il gruppo più amato e seguito dell’Isola, guidati dal carismatico frontman Lello Analfino, direttore artistico del Festival.

 

PEPPE QBETA Con l’aria scanzonata che lo contraddistingue da un quarto di secolo, Peppe Qbeta è “un mandorlo” con le radici ben infisse in Sicilia, ma che si nutre anche di terra ocra d’Africa, di vento meticcio latino/americano, dei ritmi sanguigni dei Balcani, di solarità Mediterranea.

Salire su un palco trasformato in “Curtigghiu” è una straordinaria invenzione che unisce presente e passato. Nel Curtigghiu si può parlare all’orecchio di una persona citandone altre, oppure cantare a squarciagola le proprie verità per condividerne l’essenza con altre persone. Un grande Curtigghiu dove sentire e pensare che un altro mondo è possibile. Sono felice di condividere il palco con persone che percorrono la mia stessa strada”. (Peppe Qbeta)

 

// DOMANI SABATO 22 SETT //

 

DIODATO consacrato a Sanremo con il brano “Adesso” in duo con Roy Paci, nonché vincitore di numerosi prestigiosi premi aggiudicati dalla critica musicale e direttore artistico del festival del primo maggio a Taranto.

Sono felice di tornare in Sicilia, nel curtigghiu, uno dei suoi cuori pulsanti, luogo reale, di vita quotidiana, di anime e storie che si intrecciano.”

 

ERICA MOU dolce e raffinata interprete, particolarmente vicina alla Sicilia e molto seguita nell’Isola. Nome d’arte di Erica Musci, è una delle più interessanti cantautrici italiane, classe 1990, scrive e compone da sempre la propria musica, in cui alterna grazia innocente a sensuale ironia.

Il mio ultimo tour, durato dieci mesi, si chiude al Curtigghiu, in una terra così bella circondata da persone che sono pezzi importanti della mia crescita artistica.

Red Ronnie è una sorta di padre per me, il primo professionista della musica ad aver creduto nelle mie canzoni dieci anni fa. Diodato è un grande amico e uno dei colleghi che stimo di più, con cui è una gioia condividere il palco. Lello Analfino e tutta la squadra Tinturia, sono da anni una sorta di famiglia a distanza, per me. Festeggeremo molto e pianteremo l’ultima bandiera sulla luna di questa stagione.

 

IPERCUSSONICI porteranno l’energia trasformativa del vulcano in eruzione in cui strumenti antichi come marranzani, didjeridoo e tamburi si fondono a creare esplosive sonorità ultramoderne.

La conduzione della rassegna sarà affidata ad un’icona come Red Ronnie, presentatore, giornalista e critico musicale, uno dei volti più noti e amati dal pubblico e dalla critica, appassionato ed esperto di musica.

La radio ufficiale del Festival, RGS, trasmetterà dalle 18 alle 23 in diretta da Sant’Agata di Militello raccontando minuto per minuto il fermento del Curtigghiu, in tutta la Sicilia, raggiungendo anche chi non potrò fisicamente esserci: con le interviste agli artisti in cartellone e tutte le notizie sulla tre giorni di musica.

Curtigghiu “GallegoRock” è la prima edizione di un festival musicale ideato da Lello Analfino e finanziato dall’ Assemblea Regionale Siciliana in collaborazione con il Comune di Sant’Agata di Militello, organizzato da Puntoeacapo ed MCN.

Si ringrazia per il sostegno Enel, gli sponsor, Proloco di Sant’Agata di Militello.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published.